205328_342714335840152_170243723_nEra una torrida giornata d’estate e Mimì  si trovata nella casa dei nonni per una piccola

vacanza, quel pomeriggio aveva incontrato la sua piccola amica Fabrizia e con lei avevano

giocato a papà e mamma dentro al campo di granturco che si trovava davanti alle loro case,

gli steli erano alti e ombrosi, lì dentro avevano portato anche dei cuscini ci si nascondeva bene,

un  vero spasso!

Ma Fabrizia fu richiamata dalla mamma perché si occupasse del fratellino mentre lei andava

al lavoro, lasciando Mimì nuovamente sola ed anche un po’ annoiata!

Cominciò a camminare sul marciapiede di cemento bianco intorno alla casa, la braccia allargate,

la testa rivolta all’insù a guardare il cielo terso ed azzurro, come a voler volare, immersa in quel

mare,  incespicò e perdendo una ciabattina s’accorse del calore che il cemento emanava, si liberò così subito anche dell’altra e continuò a correre scalza godendo inebriata da quel tepore, finché la sua attenzione non fu attratta da una fila interminabile di piccole formiche che una dietro l’altra, andavano dalla casa, all’aiuola, tagliando il marciapiede, ciò le fece nascere una bella idea, si precipitò in casa, afferrò un cuscino ed andò a coricarsi a pancia in giù, ed i gomiti affondati dentro ad osservarle più da vicino.

Le contava e ricontava, senza stancarsi, perché lei sapeva contare solo fino a dieci, non andava

ancora a scuola! Era affascinata da tutto quello che la circondava, quei profumi d’estate, quei fruscii, quel cicaleccio continuo, il richiamo dei grilli e di tutti quegl’altri insetti la stordiva, come i raggi del sole che si infilavano tra i fili d’erba creando giochi d’immagini, ed una farfalla un po’ più sfacciata le sfiorò il nasino, – Eih! Le gridò, nel mentre la nonna le schiacciava sulla testa un piccolo ma grazioso cappellino che le pizzicava le gola con l’elastico.

Poi, chissà, sarà stato,  tutto quel contare, o quel tepore caldo che dalla pancia s’irradiava

per tutto il suo corpicino, s’addormentò di un sonno fatato.

Si ritrovò in fila con le formichine, a camminare in fila indiana, com’era tutto grande, faceva

quasi paura, in quel mentre una formica soldato le si avvicinò –Lei, sig.na   Mimì, prego mi segua

Mimì era così intimorita da non profferir parola, lo seguì incuriosita, -Chi mai ha bisogno di me?

-Dobbiamo andare all’aeroporto, lì ci attende la sig.ra Isa, si sbrighi, non c’è tempo da perdere!

Mimì non ci capiva niente, ma lo seguì muta come un pesce.

Arrivati senza non pochi problemi, era una vera giungla quel giardino,  venne loro incontro

una grande e magnifica libellula – Mimi  si ricorda di me? L’altro giorno lei mi ha salvato

dalle grinfie del suo gatto, per questo oggi ho pensato a lei per il mio problema, vista la

sua bravura, e la sua presenza di spirito di fronte al pericolo, mi sono detta “Mimi è la persona

giusta “ -Perché avete bisogno di me? Chiese Mimì  -Vede la mia amica Xinta, è un’ape,  si

è ferita ad un’alta e nella posizione in cui si trova rischia di cadere nella tela del ragno Olimpo!

Presto allora, partiamo!- Invitò Mimi, Isa non se lo fece dire due volte, s’abbassò per far salire

Mimi, e via,  volarono alti sopra ai fiori profumati ed in poco tempo si trovarono sul luogo

incriminato. –Aiuto, aiuto, se qualcuno mi sente, aiutatemi, vi prego!

-Non preoccuparti Xinta, siamo arrivati, ho portato anche una mia amica bravissima, vedrai

lei riuscirà a toglierti d’impaccio. Dall’alto della scena Olimpo le guardava con ostilità, aspettando

il momento propizio per attaccare. Mimi si rese subito conto che per farcela avrebbero dovuto

spingerla in due, il più velocemente possibile. –Prendila di lato Isa. Le ordinò Mimi, come un

comandante. Afferrarono Xinta sue due lati, poi Ida con un scatto di reni fulmineo, le tirò su

lasciando a bocca asciutta Olimpo che s’era già precipitato pregustando un succulento banchetto!

Isa li fece atterrare con dolcezza su di un piano, perché Xinta potesse riposarsi, (aveva un gran

male), poi ripresero il volo più lentamente verso il suo alveare. Lì tutti fecero loro festa, ma

Mimi sentiva che doveva tornare, così convinse Ida a riaccompagnarla subito, sebbene lei

preferisse rimanere lì a festeggiare insieme agli altri.

Cominciarono il volo del rientro, quando all’improvviso una valanga d’acqua quasi le travolse,

-Che sta succedendo? Chiese Mimi –Era una goccia di pioggia, dobbiamo sbrigarci se non

vogliamo annegare! Si attardarono sotto una foglia di fico, poi un ultimo slancio e……..

-Mimi, Mimi svegliati, cara. Sta cominciando a piovere non senti il brontolio

del temporale? Mimi si svegliò di soprassalto, quasi non ci credeva d’essere

tornato nel suo mondo, adesso era tutto così piccolo!

-Andiamo nonna, corriamo – le rispose ridendo – presto che il diavolo và in carrozza!

La nonna la prese in braccio e facendole il solletico le promise una merenda che  insieme

al  nonno in casa l’attendeva.

Annunci